Ai Nostri Fratelli

 

Secondo l'articolo 27 della nostra Regola di 1° grado, questo nostro Bollettino avrebbe dovuto veder la luce nello scorso aprile: invece si procrastinò la sua uscita a luglio, per studiare meglio i bisogni della nostra fratellanza spirituale e provvedere nei lati deficienti all'indirizzo dell'insegnamento scientifico da seguire — perché la nostra medicina ermetica rappresenta la cattedra delle verità scientifiche emananti dalle nostre cognizioni nell'Alta Scienza, e la pratica delle realizzazioni di esse per il Bene e la Verità nell'Uomo e nella Società.

Bisogna non confondere questi opuscoli coi giornali e le riviste di spiritismo, di magia e di teosofia, i quali sono fatti per seminare nell'ambiente viziato dalle dottrine materialiste i sani principii della scienza vera dello spirito. Si suppone che chi fa parte della nostra fratellanza spirituale sia già un credente per scienza e per fede e che non abbia bisogno di essere convertito, ma, invece, di avere insegnamenti e consigli per praticare la scienza e per perfezionare se stesso secondo i principii di essa. Detto con altre parole noi miriamo solo a che i membri della famiglia di Miriam abbiano il sentimento dell'unità della dottrina immutabile e la coscienza della sua applicazione in tutte le contigenze della vita; né la nostra è pubblicazione periodica regolare, come le riviste e i giornali accennali, ma una preziosa collezione di istruzioni per tutti i praticanti di Magia Terapica che si votano al Bene.

*

*     *

 

Oltre ciò bisogna che i fratelli abbiano un concetto chiaro della nostra grande opera, tanto da non confonderla con le istituzioni umane, né di immischiarla con i tanti tentativi di organizzatori di chiese nuove.

Chi è a capo di questa istituzione, di cui la sola forma di propaganda è moderna, non è un ispirato atteggiandosi a Messia; il nostro capo e maestro è un saggio cioè una Mente illuminata dai Raggi della Verità, e che ha coscienza della sua opera e scienza della sua parola. Nella decadenza di tutte le istituzioni massoniche e religiose, egli per mandato, essendo i tempi maturi, riconduce alla fonte primitiva del Bene tutte le pecorelle smarrite dell'ovile, affinché nel secolo XX, dopo le convulsioni e le crisi che segneranno il bagno di salute, assorga alla umanità il novello sacerdozio che unisca in una stessa parola Scienza e Fede, cioè la Fede per la Scienza e la Scienza nella Fede.

Questo Sole G del nuovo secolo, spirante felicità dei popoli nella ragione della umana solidarietà per la conquista della pace e del benessere sociale per la sola pratica del bene e della Verità, è di sopra tutte le forme politiche temporali delle chiese e delle sette, e spanderà i suoi raggi vivificanti dall'Oriente Egizio — cioè dal Fiume Sacro o Nilo delle regioni misteriose — e porterà ai popoli, in avvenire, quell'esistenza 'di pace e di gioia che la Bibbia raffigura nelle convalli di Engaddi, dove le mistiche Rose fioriscono per incanto e la innocenza delle fiere raggiunge l'iperbole più ardita delle favole.

Una associazione o ordine spirituale, formato e propagato con questa missione è la più pratica scuola del Bene e dell'altruismo, porcile insegna due grandi verità che i fondatori illuminati di molti ordini religiosi hanno in tutto tutti, cioè che

1.° L'uomo è un numero partecipante della gioia e del dolore della società umana in cui vivo.

2.° La famiglia è ricca di bene quando il contributo di bene di tutti i suoi figli è costante.

*

*     *

 

La Fratellanza nostra è fondata e propagata sotto un Patto fondamentale che limita le sue funzioni nella società profana. La nostra costituzione ci impone di occuparci esclusivamente di medicina occulta, la quale è l'applicazione della Scienza dello Spirito al sollevamento di tutte le sofferenze del nostro simile. Dovunque è un uomo che soffre, dovunque è uno spirito travaglialo, in qualunque sito un corpo addolorato viene in contatto con uno dei nostri fratelli, è dovere di concorrere alla sua guarigione, in tutti i modi, con tutti i mezzi, con tutte le forze di cui il fratello dispone nella catena di Miriam,

Noi non ci occupiamo di politica, non di credo religioso — la nostra è una missione al di sopra di tutte le miserie politiche e di tutti i credi religiosi. Noi con la medicina occulta diamo la più solenne pruova che esiste una solidarietà umana: l'esempio farà proseliti e la carità del cristo troverà la sua applicazione scientifica: quando i nostri affiliati saranno innumeri, allora per noi non esisterà una società profana, perché tutti i profani saranno convertiti e praticanti il bene, e noi avremo compiuta una grande rivoluzione morale, portando il principio della solidarietà nel governo della famiglia umana, il sacerdozio della quale sarà paterno, ad immagine della Provvidenza Invisibile e Reale che governa il destino del popoli, delle nazioni e delle razze.